© 2018 Percorsi Foto-sensibili di Silvia Bigi

  • Facebook Clean
6 giorni fa

RIFLETTENDO

2 commenti

Mi chiamo Stefania e ho riscoperto la passione per la fotografia dopo uno stop di 30 anni. È stato complicato selezionare le foto per questa 1° consegna, chissà perché? Spaventata dal livello alto ? ;) le foto proposte sono scatti realizzati in periodi diversi , non perfette dal punto di vista tecnico, non appartengono a nessun progetto fotografico del passato o del presente ma semplicemente sono il punto di partenza per realizzarne uno in un prossimo futuro. Uno studio sull'immagine riflessa in tutte le sue facce, indagare con l'immagine non solo la superficie riflettente ma anche la manifestazione esteriore di uno stato d'animo Cercando su google la parola Riflettere ho trovato la seguente definizione: dal latino: reflectere volgere indietro, composto da re-indietro e flectere piegare. Rimandare indietro qualcosa, rivolgere la mente con attenzione su qualcosa; in fisica la riflessione consiste nel rinviare, da parte di una superficie, un flusso di energia che la colpisce. Dal punto di vista intellettuale la riflessione è il rimandare indietro il pensiero a qualcosa, riconsiderandolo, ripensandoci su con attenzione. Il titolo scelto è RIFLETTENDO parola che nonostante ho provato a cambiare è ritornata sempre in mente. Altri titoli pensati e scartati sono: 360°; A tutto tondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

5 giorni fa

ciao Stefania,

 

grazie per il repost!

condivido, sinteticamente, ciò che ti avevo scritto, ovvero che "riflettendo" è un titolo che ben si adatta a una serie senza riflessi visivi. Escluderei cioè i riflessi in acqua o in superfici riflettenti, spingendo l'osservatore a trovare forme più simboliche e nascoste di 'riflessi' o 'riflessioni', magari nell'altro o nella solitudine e quindi in se stessi. Ad esempio come la foto dei bambini o l'ultima immagine della panchina. Anche la ragazza che sembra 'riflettere' guardando il mare sembra in quello stato di pensiero, ma l'acqua mi ricondurrebbe immediatamente al riflesso più apparente e meno profondo.

 

 

Credo insomma che i titoli non debbano essere troppo didascalici. Lavorando invece sulle superfici riflettenti e tenendo quindi quella strada allora adotterei un altro titolo, magari una riflessione sul fare immagini, sul doppio, su questioni più 'esistenziali', magari riprendendo il mito di narciso o altre narrazioni a cui ispirarsi.

5 giorni fa

Ciao Silvia, mi spiace ma non ricordo proprio di aver letto un tuo precedente commento, la memoria ogni tanto mi abbandona, dunque se lo riposti sarebbe cosa gradita. Nell'introduzione ho scritto che sono delle foto da cui voglio partire, un'idea ancora embrionale che non so bene dove mi porterà. Sono alla ricerca di una centratura, fatico e forse per questo ho trovato questo workshop interessante. Condivido con quanto suggerito da te , il titolo non deve essere didascalico , non lo avevo proprio pensato e "riflettendo" con le immagini che rimandano a un riverbero mi sa di scontato . Grazie

I post più recenti
  • Questa è la casa, l'entità che vaga, l'identità che cerca. Presenze assenti Re-visione
  • Queste foto sono parte di un piccolo racconto fotografico realizzato nell’area grecanica di Reggio Calabria. Avevo la necessità di raccontare la produzione vitivinicola di quest’area e ho avuto la possibilità di farlo seguendo le mie inclinazioni espressive. Quella che oggi viene definita area grecanica (per indicare un’area geografica in cui si parla o si parlava il Greco di Calabria) è stato il primo insediamento greco nella penisola calabra. Il vino è diventato un pretesto per raccontare di un passato florido di cui oggi – ahinoi! – si sono quasi del tutto perse le tracce. Qualche informazione per permettervi di contestualizzare un po': - Nella prima immagine gli still life di alcune uve di provenienza greca coltivate attualmente. - La foto della costa ritrae il luogo in cui si dice siano sbarcati i greci nell’VIII secolo a. C. - Nel quaderno, le parole trascritte da una bambina che studia ai corsi di greco di Calabria. - La fiumara nella foto finale è l’Amendolea, attorno ad essa si sviluppa tutta l’area grecanica, un tempo era navigabile e costituiva l’autostrada dell’antichità. I titoli che ho pensato non mi soddisfano a pieno, probabilmente sono solo un inizio: 1- “Orfani di Dioniso” – mi sembra cogliere il senso del progetto e lo considero la mia scelta provvisoria, anche se forse sarebbe da rivedere… la parola “orfani” mi piace ma mi pare anche un po’ troppo forte. 2- “L’ultima goccia alla terra” – nei templi di Locri Epizephiri ci sono dei “tubi” attraverso i quali si offrivano in dono alla terra latte miele o vino. Oggi, probabilmente solo per una coincidenza, un’usanza che ho osservato (anche se non so quanto sia diffusa o tipica dell’area) nei paesi dell’area grecanica prevede che l’ultima goccia di vino rimasta nel bicchiere venga gettata a terra. 3- “Ancestre” – ricercando l’etimologia della parola “ancestrale” ho scoperto si tratta di una parola di origini francesi, “ancestre” significa antenato. È una parola che mi piace e m’incuriosisce. 4- “K52” – Una piccola aggiunta, è il nome dell’anfora dentro la quale da qui il vino veniva esportato in tutta la penisola italiana e anche oltre. Una piccola aggiunta, mi sembra una parola che possa fare incuriosire.
  • ...e comunque Luce Nelle mitologie, soprattutto indeuropee, la luce assume spesso un significato cosmogonico, che si esprime chiaramente in opposizione alle tenebre. Così nei miti vedici l'apparizione di Ushas, l'aurora, allude all'origine stessa del cosmo che emerge dal caos dell'oscurità. Sempre determinante è stata la parte della luce nella credenza dei popoli d'interesse etnologico, che alla luce lunare attribuiscono una potente influenza sulla vita vegetale; in particolare si pensa che la luce della Luna piena aiuti la crescita delle alghe e di altre piante marine, mentre quella del Sole in genere influenzi la vegetazione terrestre. Ho scelto questo titolo e descrivo il significato di luce nel senso mitologico, in quanto nella nostra vita, nelle nostre giornate il buio lo associamo a un aspetto negativo e ci instristisce. Ma se ci fermiamo ad osservarlo sicuramente troviamo un lato positivo quello della luce sia che essa sia naturale o artificiale, ci permette di vedere particolare che a luce piena non si noterebbe. Così nella vita per superare le difficoltà si deve cercare quella luce interiore che si fa risolvere le difficoltà... scoprendo nuova forza in noi.