iospecchio.jpg
Lo specchio dell'io. Autoritratto e psicologia

Il libro analizza, anche alla luce della psicoanalisi, i principali meccanismi psichici che presiedono alla dinamica dell’autoritratto, a partire dal controverso rapporto che ciascuno di noi intrattiene con la propria immagine. Ogni autoritratto eseguito, osservato o semplicemente immaginato rievoca e rispecchia le tappe della formazione dell’Io, riattivando e in qualche misura rielaborando le ansie relative al senso della nostra identità. Il saggio è ricco di numerosissimi riferimenti storico-artistici, da Giotto ai nostri giorni, passando attraverso l’esperienza ‘espressionistica’ dell’età contemporanea (Van Gogh, Munch, Schiele ma anche Duchamp, Picasso, Warhol) e di molteplici esempi letterari, in particolare sul tema dello specchio e del doppio (come Pirandello, Woolf, Kafka, Kundera).

unnamed.jpg
Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione

"Negli autoritratti di questo libro c’è il racconto di un secolo.
Ma non dicono cosa è successo, dicono perché."
Chi sono io? è il libro di Concita De Gregorio per la collana In Parole. L’autrice ha compiuto una lunga ricognizione nel territorio della fotografia femminile interrogando, e interrogandosi, sul senso e il valore di un gesto: quello dell’autorappresentazione.

61h3604pteL._SX421_BO1,204,203,200_.jpg
Auto Focus. L'autoritratto nella fotografia contemporanea.

"Auto Focus" propone un'ampia raccolta di autoritratti scattati da settantacinque fra i più importanti fotografi contemporanei. Susan Bright, scrittrice e curatrice di fotografia, ha selezionato gli autori e le immagini componendo una guida chiara e completa per orientare il lettore in questo particolare "genere" dell'arte e della fotografia contemporanea, terreno di prova e di sperimentazione di nuovi linguaggi. Corredato da un grande numero di fotografie, il volume è organizzato in cinque capitoli che sviluppano i temi dell'autobiografia: il corpo, l'uso del travestimento, il ricorso al ritratto in studio e agli album fotografici, le performance artistiche. Il lavoro intorno all'identità nazionale, sessuale, razziale, personale o artistica diventa così fondamentale per comprendere l'opera di molti tra i maggiori esponenti della fotografia contemporanea. Immagini intime e introspettive, provocazioni sociali o sessuali, costruzioni di raffinate scene oniriche in cui prendono corpo innovative performance: "Auto Focus" mostra come una delle più antiche forme d'arte, il ritratto/autoritratto, continui ancora ad essere uno dei linguaggi artistici più attuali e sorprendenti.

3029428.jpg
Tra arte e terapia. Utilizzi clinici dell'autoritratto fotografico

Nel panorama delle Arti-Terapie l'auto-produzione e la manipolazione di fotografie da parte dei pazienti è una tecnica fino ad ora misteriosamente trascurata. Questo "manuale" è il primo tentativo concreto di fornire agli operatori del settore una serie di linee guida in materia di foto-video-terapia. Il nucleo centrale delle tecniche proposte verte intorno al tema degli autoritratti, ovvero delle raffigurazioni di sé prodotte dai pazienti mediante diverse tipologie di strumenti digitali. I substrati teorici e le possibilità di applicazione clinica di questa modalità di intervento vengono analizzati e spiegati in dettaglio da diversi autori. Lo scopo del testo, che si avvale della collaborazione di Judy Weiser, Carlo Riggi, Carmine Parrella e Anna D'Elia, è quello di invitare i lettori a prendere coscienza delle potenzialità terapeutiche insite in questi strumenti e iniziare a sperimentarne applicabilità e limiti in diversi contesti clinici.

wqY2ptOqIJol-mb.jpg
Ri-vedersi. Guida all'uso dell'autoritratto fotografico per la scoperta e la costruzione di sé 

La fotografia è uno straordinario strumento per indagare la complessità dell'animo umano e dà al tempo stesso un gran numero di informazioni sul fotografo e sul suo modo di vedere il mondo. Proprio per questo si può utilizzare l'autoritratto fotografico per conoscere meglio se stessi e per far emergere aspetti della personalità che non si sospetta nemmeno di avere. Non occorre essere esperti fotografi, è sufficiente saper usare una macchina digitale e, con i semplici esercizi proposti in questo libro, sarà possibile scoprire il volto delle paure, il sorriso della gioia, l'esplosione dell'ira. Sarà possibile vedere ci si presenta agli altri, identificare e accettare i difetti che di solito si tende a nascondere, si valuterà in modo nuovo il proprio corpo. Uno strumento per imparare a ri-vedersi e ri-conoscersi in immagini nuove e sconosciute che favoriranno l'arricchimento della personalità. Questo percorso guidato non sostituisce una psicoterapia ma può affiancarla, con un metodo di lavoro che chiunque può utilizzare per acquisire maggior consapevolezza di sé.